Menu
museostrisciasmall
Dal 1947 al 1954

Dal 1947 al 1954

Per suscitare l'interesse intorno alle preziose collezioni costituenti il Museo di Etnografia Italiana, che per un complesso di circostanze avverse attendevano da anni invano una sistemazione definitiva in una sede appropriata, Paolo Toschi organizzò nel 1947, in collaborazione con la Società di Etnografia Italiana, la Mostra di Stampe popolari e iconografia del costume che si tenne in una sala al piano terreno di Palazzo Venezia: accanto alla rappresentazione delle fogge del vestire furono esposte le stampe appartenute allo stesso Lamberto Loria, ad Alessandro D'Ancona, Francesco Novati, Achille Bertarelli e la collezione iconografica di costumi donata da Salvatore di Giacomo con disegni di Filippo Palizzi, Giacinto Gigante e Domenico Morelli. L'esposizione era articolata in quattro temi principali: stampe popolari; iconografia del costume; motivi popolari, curiosità varie; libretti popolari e fogli volanti: album e volumi.

Sempre nello stesso anno Toschi realizzò, in occasione delle Celebrazioni Centenarie svoltesi nel 1948 a Torino, la mostra su Il Costume popolare di Roma e del Lazio con gran parte della collezione Loria del costituendo Museo di Etnografia, mentre l'anno dopo verrà organizzata, a Roma, grazie alla Società Geografica Italiana, la Mostra di Tappeti e ceramiche popolari a Villa Celimontana (7 ottobre 1948 - 7 gennaio 1949). La mostra si prefiggeva di far conoscere l'artigianato rurale, offrire spunti per la ripresa e lo sviluppo dei prodotti artigianali italiani e riproporre l'annoso problema della definitiva sistemazione del Museo.

Grazie all'interesse suscitato, le esposizioni determinarono la ripresa delle trattative con l'Eur, tanto che nel 1950-51 sembrò definita l'assegnazione per il Museo del Palazzo delle Tradizioni Popolari situato nell'attuale piazza Marconi. Ancora una volta una serie di circostanze, incluso il passaggio di Toschi alla cattedra di Storia delle Tradizioni popolari dell'Università di Roma, avvenuto nel novembre del 1949, ne impedirono la realizzazione.

Tuttavia non diminuì l'interesse per gli studi folklorici tanto che nel 1953 si terrà a Roma, nel Palazzo delle Esposizioni di via Nazionale, la Mostra dell'arte nella vita del Mezzogiorno d'Italia. Scopo dichiarato dell'esposizione era ancora una volta quello di valorizzare le energie artistiche delle popolazioni italiane, in realtà l'intento era dare definitiva collocazione alla raccolta di Loria. La Mostra esponeva l'artigianato artistico rappresentato da oggetti di oreficeria, miniature, cammei, ceramiche, vetri, mosaici, metalli battuti e sbalzati, legni scolpiti, tessuti e icone artistiche, pitture popolari, ex voto.

Nello stesso anno l'intera collezione Loria venne trasferita da Tivoli a Roma per l'Esposizione internazionale dell'Agricoltura (E A 53), al Palazzo dei Congressi dell'EUR, dove una sezione fu dedicata al folklore.

Il successo della mostra sul folklore che aveva esposto, oltre agli oggetti della suddetta collezione, i manufatti più significativi del Museo Pitrè di Palermo e del Museo Etnografico romagnolo di Forlì, e soprattutto l'intelligente e sistematica politica operata da Toschi determinavano il 27 febbraio 1954 la stipula del contratto d'affitto del Palazzo delle Tradizioni Popolari fra l'Ente Eur e il Ministero della Pubblica Istruzione, rappresentato dall'allora Direttore Generale delle Antichità e Belle Arti Guglielmo De Angelis d'Ossat.

Il Ministero della Pubblica Istruzione, in possesso del palazzo, nominò nello stesso anno una Commissione per l'ordinamento scientifico del Museo presieduta da Toschi, nella quale ricoprì un ruolo fondamentale Tullio Tentori, allora direttore del Museo e ispettore del Pigorini, accanto ad altri illustri membri. Venne modificata la denominazione da Museo di Etnografia in quella di Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari in considerazione del fatto che non si riteneva che il termine "etnografia" corrispondesse ai criteri scientifici che avevano ispirato l'ordinamento del Museo, in cui era esposto unicamente il materiale relativo ai prodotti tradizionali e artistici del popolo italiano.

Torna in alto
Orario MATP
Dal martedi alla domenica 8.00-19.00
Metro Linea B (EUR Fermi)
Bus 30 Express, 170, 671, 703, 707, 714, 762, 765, 791
eccellenza
MATP
facebook    tripadvisor

icdino

logomucivexportsmall

facebook    twitter

Trasparenza

trasparenzamuciv

areastampa