Menu
museostrisciasmall
Il Salone d'Onore Il Salone d'Onore

Dal 1997 al 2015

Nel 1997, con la direzione di Stefania Massari, il percorso museale viene riorganizzato sulla base dei suoi stessi presupposti storici: un museo nazionale inteso non solo come espressione di "cultura popolare" o "civiltà contadina" o "artigianale", ma aperto a molteplici temi della cultura, a metodologie d'indagine diversificate e all'elaborazione critica dei dati in sintonia con gli sviluppi delle discipline affini, prima tra tutte l'antropologia culturale.

L'allestimento viene curato tenendo presenti le principali esposizioni di Lamberto Loria e di Paolo Toschi, interpretate quale trama di significati da cui partire per individuare i differenti nuclei tematici d'interesse - siano essi beni materiali o immateriali come il lavoro, la festa, la fiaba, la tradizione orale, il costume, la religione, il rito, o il lavoro artigianale - fino ad analizzare i mutamenti operati dai processi di comunicazione e di omologazione che hanno profondamente modificato usi e saperi, riti e tradizioni.

L'ordinamento, non settoriale, legato essenzialmente al passato, è rinnovato attraverso l'adozione di raggruppamenti per tematica e per materia, per tipi di oggetto, per funzioni e per categorie relative a usi e costumi, percorribili anche grazie al supporto degli spazi virtuali che consentono di dilatare i confini stessi del Museo con la prospettiva di rendere disponibili ad una utenza sempre più vasta i beni demoetnoantropologici.

Il percorso museale è articolato in 3 grandi aree tematiche: La terra e le risorse, Vivere e abitare, Riti feste e cerimonie. Nella prima sezione, La terra e le risorse, sono affrontati i temi relativi al trasporto, al lavoro agricolo e pastorale, al lavoro marinaro e al lavoro artigianale; nella seconda, Vivere e abitare, compare il mondo domestico con i suoi arredi, i gesti del quotidiano, il ciclo della vita umana con i suoi riti e le sue cerimonie. La terza sezione, Riti feste e cerimonie, descrive le varie cerimonie, la musica, i giochi e gli spettacoli, gli abiti e gli ornamenti tradizionali usati per lo più nei giorni di festa.

Dal 1° maggio 2011 al 31 dicembre 2012, con la direzione di Daniela Porro, il Museo è stato rinnovato nei seguenti spazi: Salone d'Onore, Sala delle Colonne, Sala delle Conferenze, Laboratorio Audiovisivo. La mostra dedicata all'Esposizione del 1911 è diventata sezione permanente; numerose modifiche sono state inoltre apportate per migliorare la fruizione delle collezioni espositive e degli archivi.

Dal 2013 al 2015 la direzione è stata affidata a Maura Picciau.

Altro in questa categoria: « Dal 1956 al 1996 2016-2017 »
Torna in alto
Orario MATP
Dal martedi alla domenica 8.00-19.00
Metro Linea B (EUR Fermi)
Bus 30 Express, 170, 671, 703, 707, 714, 762, 765, 791
eccellenza
Museo delle Arti e Tradizioni Popolari
 
facebook    tripadvisor
logomucivexportsmall

facebook    twitter

Trasparenza

trasparenzamuciv

ICDE

logoicdesmall