Menu
Ti trovi qui:Attività»Almanacco»Settembre
Settembre

Settembre

  • I Santi:

    29 settembre – Santi Arcangeli Michele Gabriele e Raffaele
    Nella religione cristiana le schiere angeliche sono composte da diverse figure suddivise in gerarchie. Tra queste i Sette Arcangeli occupano un posto preminente, come indica il loro stesso nome che deriva dal greco "àrchein", comandare e "ànghelos", angeli, ovvero i messaggeri di Dio. Di questi sette, soltanto tre in realtà sono citati nella Bibbia, gli Arcangeli "maggiori" Michele Gabriele e Raffaele, che hanno assunto perciò forma e attributi riconoscibili nella tradizione figurativa.
    Michele, il cui nome significa "colui che è come Dio", è considerato il capo supremo dell'esercito celeste nella lotta contro il male, ed è quindi rappresentato con l'armatura e la spada generalmente nell'atto di combattere Satana in veste di drago o di serpente. Gabriele, "la forza di Dio", è il principale tra i Messaggeri di Dio: nel Vecchio Testamento aveva rivelato a Daniele il ritorno degli Ebrei dalla loro cattività, mentre nel Nuovo egli annuncia l'avvento di Gesù porgendo alla Vergine Maria un giglio bianco, simbolo di purezza, e ad Elisabetta la nascita del Battista. Infine Raffaele, il cui nome significa "Dio guarisce", appare in realtà soltanto nell'Antico Testamento: è generalmente raffigurato insieme al giovane Tobiolo che accompagna a riscuotere un credito per conto del padre Tobia, proteggendolo da ogni pericolo. Lungo la strada Raffaele istruisce il giovane sulla preparazione di un farmaco estratto da un pesce (simbolo di Dio) che guarirà il padre cieco.

  • Accadde:

    28 settembre 551 a.C. Nascita di Confucio
    Secondo la tradizione il 28 settembre del 551 a.C. nacque Confucio (551 - 479 a.C.), nome latinizzato di Kong Fuzi (Maestro Kong) filosofo cinese, maestro di etica e uomo di Stato. Sebbene le date di nascita e di morte siano approssimate, Confucio appartiene a una famiglia che possiede il più completo albero genealogico al mondo, documentato fino alla 78° generazione oggi vivente. Allevato in povertà dalla madre vedova, apparteneva ad una classe di dotti che partecipava all'amministrazione degli Stati feudali della Cina dell'epoca. Dopo aver lavorato al servizio del suo Signore, Confucio cominciò a peregrinare per la Cina in cerca di un sovrano cui insegnare i principi morali necessari a regnare saggiamente, per poi rientrare in patria e accogliere nella sua casa discepoli da indottrinare sull'arte del buon governo. Fulcro dell'insegnamento di Confucio è infatti il principio della virtù quale fondamento della famiglia così come dello Stato, poiché è dal benefico influsso della vita virtuosa dei governanti che dipende l'ordine del Paese. Come Socrate, Confucio non scrisse mai nulla ma ciò che insegnò venne raccolto da alcuni suoi discepoli in un libro, i cosiddetti "Dialoghi", composto di brevi parabole.

  • Feste e sagre:

    Macchina di Santa Rosa - 2-3 settembre
    Agli inizi di settembre si festeggia a Viterbo Santa Rosa, patrona della città. Il pomeriggio del 2 settembre, dal 1921, il cuore di Santa Rosa, custodito in un prezioso reliquiario, viene portato a spalle da quattro suddiaconi su un cuscino di fiori, nel corso di una processione, alla quale partecipano il clero, le autorità civili e militari, le associazioni religiose e il popolo. Dagli anni '70 fa parte di questa processione anche un corteo storico, rappresentato da antichi personaggi e autorità che già dal 1200 rendevano omaggio all'evento della traslazione del corpo della Santa.
    La sera del 3 settembre ha luogo il trasporto della "Macchina di Santa Rosa": originariamente il trasporto di questa torre luminosa, chiamata anche "campanile", faceva parte della processione, ma dopo l'incendio del 1891, che provocò la morte di molte persone, le autorità furono costrette a far svolgere le due manifestazioni separatamente.
    Si presume che l'inizio del trasporto della macchina sia avvenuto intorno al XIII secolo. Il 4 settembre 1258 le spoglie miracolosamente incorrotte della fanciulla viterbese, morta nel 1251, della quale Innocenzo IV nel 1252 aveva già avviato il processo di canonizzazione, furono traslate dalla chiesa di Santa Maria in Poggio (ora Crocetta), alla chiesa di San Damiano (ora monastero di Santa Rosa). Il feretro era sorretto da quattro cardinali e seguito dallo stesso pontefice Alessandro IV. Quell'evento segnò il primo passaggio trionfale di Rosa per le vie di Viterbo e fu ripetuto ogni anno. In processione non fu portato il corpo della fanciulla, ormai conservato in un'urna, ma un baldacchino sempre più sfarzoso, sul quale veniva posta un'immagine della Santa circondata da luci.
    La prima macchina risale al 1664 e venne forse realizzata come sviluppo del baldacchino processionale, per adempiere a un voto fatto dai viterbesi durante la terribile epidemia del 1657; la configurazione attuale risale alla metà del '700.
    Per poter reclutare i facchini addetti al trasporto della "Macchina di Santa Rosa", ogni anno nei mesi di giugno e luglio, si effettua una selezione, sulla base della cosiddetta "prova di portata". All'interno della settecentesca chiesa sconsacrata della Pace viene tracciato un percorso a cerchio, che ogni aspirante facchino deve ripetere tre volte con 150 kg sulle spalle.
    Vai alla scheda della festa

  • La ricetta:

    Sugolo
    Si tratta di un dolce mantovano di origine molto antica a base di mosto, legato con farina.
    Ingredienti:
    Per un quarto di litro di mosto 25 gr. farina, zucchero se serve.
    Esecuzione:
    Stemperare con molta cura la farina nel mosto. Se, a proprio gusto, il mosto non fosse sufficientemente dolce, si può correggere aggiungendo zucchero.
    Far bollire qualche minuto.
    Versare in piatti e lasciar raffreddare completamente prima dei consumare.

  • Il proverbio:

    Se in Settembre senti tonare tini e botti puoi preparare
    L'uva settembrina è fragola zuccherina
    Se piove per San Gorgonio (9 settembre), tutto l'ottobre è un demonio
    Un settembre caldo e asciutto fa maturare ogni frutto
    Pioggia in settembre poco acquista e nulla rende

Altro in questa categoria: « Agosto Ottobre »
Torna in alto
Orario ICDe
Dal lunedi al venerdi
9.00-17.00
Metro Linea B (EUR Fermi) Bus 30 Express, 170, 671, 703, 707, 714, 762, 765, 791
Amministrazione
trasparente

banner amm tra small

Servizio VI
Tutela del patrimonio
DEA e immateriale

logo ministero

Geoportale della
Cultura Alimentare
geoportale
Seguici su
facebook   twitter
Insta   youtube
logomucivexportsmall
amuseonazatp