Menu
Ti trovi qui:home»l'Istituto»Archivi e laboratori»Archivio di antropologia visiva»La storia dell'archivio
strisciaheader2
Annabella Rossi Annabella Rossi

La storia dell'archivio

La raccolta di manufatti della cultura popolare doveva essere integrata, nel progetto di Lamberto Loria, da una documentazione cinematografica. Con l'intento di contestualizzare, attraverso le immagini, le tradizioni documentate dagli oggetti, l'etnologo compila una lista di pellicole sul folklore delle regioni italiane, ma sfortunatamente la mancanza di fondi impedisce a Loria di acquisire questi preziosi materiali.

Soltanto verso il 1960, con la direzione di Tullio Tentori (1920-2003), i film entrano a far parte delle collezioni del Museo, quando l'antropologa Annabella Rossi (1933-1984) avvia la costituzione di una cineteca con alcuni documentari.

Agli inizi del 1970 Annabella Rossi promuove e cura la realizzazione di una documentazione visiva, utilizzando le prime apparecchiature per la ripresa video. Il rilevamento, effettuato prevalentemente in Calabria e in Campania, porta alla realizzazione di materiali di ricerca incentrati su eventi festivi ed espressioni melocoreutiche. L'incremento del fondo video dell'Archivio si deve anche alle acquisizioni di nuovi titoli nel corso di rassegne organizzate dal Museo.

Nel 1985 nasce al Museo la rassegna biennale Materiali di Antropologia Visiva MAV, organizzata in collaborazione con l'Associazione Italiana di Cinematografia Scientifica (fino alla VI edizione). L'iniziativa scaturisce dalla volontà dell'etnomusicologo Diego Carpitella (1924-1990) di creare un contenitore periodico di riscontro e confronto delle produzioni italiane, un luogo per discutere e verificare i problemi e gli eventuali progressi della ricerca.

Carpitella individua nel Museo la sede più adatta per la rassegna, considerati i rapporti di collaborazione e il rilievo istituzionale di uno spazio preposto alla tutela e alla valorizzazione dei beni etnoantropologici.

Negli ultimi decenni il patrimonio audiovisivo museale è stato notevolmente incrementato da nuove acquisizioni, e attualmente comprende più di 2000 titoli.

Torna in alto
Istituto
Aperto dal lunedi al venerdi
Come arrivare
Metro Linea B (EUR Fermi)
Bus 30 Express,
170, 671, 703, 707,
714, 762, 765, 791
Istituto e MNATP
Istituto
facebook   twitter   pinterest
Museo
facebook   tripadvisor
Museo delle Civiltà

muci
facebook    twitter