Menu
Ti trovi qui:Area Stampa»Articoli filtrati per data: Marzo 2018

Articoli filtrati per data: Marzo 2018

A partire dall’arrivo: Incontri / proiezioni / musiche / letture

A partire dall'arrivo
Incontri / proiezioni / musiche / letture
con la presentazione del progetto
Italia dalle molte culture - Casa MigrArti

Roma 24 marzo 2018 - ore 10.00-18.00
Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia - Piazza Guglielmo Marconi 10

In occasione della XIV edizione della Settimana di azione contro il razzismo (19-25 marzo 2018), l'Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia (ICDe) organizza il 24 marzo a Roma, presso la Sala Conferenze "Diego Carpitella", piazza Guglielmo Marconi 10, una giornata dedicata alle culture di immigrazione in Italia: "A partire dall'arrivo".

Nell'ambito di questa iniziativa, che inaugura una serie di incontri sui temi delle migrazioni, sarà presentato il progetto "Italia dalle Molte Culture - Casa MigrArti" #italiadallemolteculture, un programma del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo che prevede l'avvio di ricerche e attività di documentazione sulle espressioni culturali delle diverse comunità migranti che vivono sul territorio nazionale, la creazione di un archivio e la realizzazione di uno spazio-laboratorio che accolga eventi espositivi, proiezioni e incontri.

"A partire dall'arrivo", primo momento di riflessione del progetto, propone un percorso cinematografico che ci condurrà dalle immagini di migranti italiani degli anni Sessanta al primo sbarco di migranti albanesi in Puglia nel 1991, con le visioni proposte dal progetto FACCE, curato da OfficinaVisioni e Archivio Cinema del reale in collaborazione con l'ICDe. Seguirà la proiezione di un documentario della rassegna MigrArti.

Testimonianze dirette di collegamento tra l'allora e il presente saranno accompagnate da letture tratte dal libro "La Frontiera", dello scrittore Alessandro Leogrande.
La riflessione sulle migrazioni contemporanee proseguirà con una serie di narrazioni e visioni sugli arrivi in Italia attraverso il Mare Mediterraneo e altre rotte di migrazione, proposte in collaborazione con CivicoZero, Archivio delle Memorie Migranti, Associazione Isole e Baobab Experience.

L'iniziativa "A partire dall'arrivo" è pensata quindi come un'occasione di confronto e di condivisione, per rintracciare nell'esperienza del partire, del viaggiare e dell'arrivare un filo che avvicini storie apparentemente distanti.

Il progetto "Italia dalle Molte Culture" è sviluppato dall'ICDe, in sinergia con la Direzione Generale Architettura Belle Arti e Paesaggio (Servizio VI) e in collaborazione con il Museo delle Civiltà. Con tale iniziativa l'ICDe intende contribuire alla migliore comprensione culturale di questo rilevantissimo aspetto della società italiana attuale, in sintonia con il ruolo dell'Istituto, che opera per la valorizzazione, in Italia e all'estero, dei beni culturali demoetnoantropologici materiali e immateriali, italiani e non italiani, e promuove attività di studio, ricerca e divulgazione di tale patrimonio. Il progetto si inserisce nel solco tracciato dal programma MigrArti, avviato nel 2015 dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, con la collaborazione dell'Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, al fine di "colmare un colpevole ritardo e favorire la conoscenza delle tante culture e delle diverse comunità che vivono in Italia".

Il progetto FACCE di Paolo Pisanelli, OfficinaVisioni e Archivio Cinema del reale in collaborazione con ICDE, parte dal primo sbarco di migranti albanesi in Puglia nel 1991. Un evento che ha cambiato radicalmente la storia recente dell'Italia e dell'Europa. Ritratti di persone mai viste prima. Fotografie realizzate a Otranto e Brindisi. Un viaggio dall'Italia all'Albania alla ricerca di facce e voci ventisette anni dopo, quando le migrazioni dei popoli sono divenute una tragedia quotidiana (fotografia originale utilizzata per la locandina: FACCE Albanesi in Puglia, 7 marzo 1991, ph. Paolo Pisanelli/OfficinaVisioni).

https://vimeo.com/258319302

La giornata si concluderà con i musicisti:
- Admir Shkurtaj, fisarmonicista, compositore, è autore delle musiche di "Katër i Radës. Il naufragio", opera di Koreja, con libretto di Alessandro Leogrande
- Ousmane Coulibaly, maestro di Balafon, Kora e Djembe, da due anni collabora con CivicoZero, dove ha avviato un laboratorio di percussioni, da questa esperienza nasce nel 2018 un gruppo composto da minori migranti di diversa provenienza

 

A partire dall'arrivo
Incontri / proiezioni / musiche / letture
Roma 24 marzo 2018 - ore 10.00-18.00
Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia
Sala delle Conferenze "Diego Carpitella"
Piazza Guglielmo Marconi 10

Programma

Mattina 10.00-13.30

10.00 Saluti istituzionali
Leandro Ventura, direttore dell'Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia
Filippo Maria Gambari, direttore del Museo delle Civiltà
Paolo Masini, ideatore e coordinatore di MigrArti
Mauro Valeri, funzionario dell'Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali

Presentazione del progetto Italia dalle molte culture - Casa MigrArti
A cura di Emilia De Simoni, Rosa Anna Di Lella, Sara Neri, Valeria Trupiano - ICDe / Servizio VI - DgABAP

10.45 Visioni migranti: presentazioni e proiezioni
introdotte da letture tratte da "La frontiera" di Alessandro Leogrande

Fata Morgana
di Lino Del Fra (Italia, colore, 1962, 10'), introduce Cecilia Mangini

Metaponto, la via del tabacco
di Libero Bizzarri (Italia, bianco e nero, 1967, 11')

Progetto FACCE
di OfficinaVisioni e Archivio Cinema del reale in collaborazione con ICDe

Where we go
di Paolo Pisanelli (Italia, colore, 2000, 30')

A mio padre
di Gabrielle Allan Gutierrez Laderas e Alessio Tamborini (Italia, colore, 2017, 15')
Introduce Paolo Masini, progetto MigrArti

13.30 La cucina di Gustamundo

Pomeriggio 15.00-18.00

15.00 Visita guidata alla mostra "The Making of a Point of View. Progetto SWICH", presso il Museo delle Civiltà - Museo preistorico etnografico "L. Pigorini", con i ragazzi della falegnameria K_Alma e di CivicoZero

15.30 Proiezioni e narrazioni
CivicoZero
Archivio delle Memorie Migranti
Associazione Isole
Baobab Experience

Letture da "Sotto il cielo di Lampedusa"
selezione in collaborazione con il Servizio Intercultura delle Biblioteche di Roma

Musiche
Admir Shkurtaj
Ousmane Coulibaly e percussioni del laboratorio di CivicoZero

In collaborazione con
Cinema del reale, BigSur, OfficinaVisioni, MigrArti, Biblioteche di Roma

----------

Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia
Piazza Guglielmo Marconi 10 - 00144 Roma Eur
Tel. 065926148/065910709 - Fax 065911848
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.idea.mat.beniculturali.it

Direzione: Leandro Ventura
Coordinamento e organizzazione: Emilia De Simoni, Rosa Anna Di Lella

Servizio VI - DgABAP
Contributi: Valeria Trupiano, Sara Neri
Riprese fotografiche: Roberto Galasso

Museo delle Civiltà - Museo delle Arti e Tradizioni Popolari "Lamberto Loria"
Direzione: Filippo Maria Gambari

Responsabile vigilanza di sala: Antonio Fiorillo

Leggi tutto...

MAV 2018 - Materiali di Antropologia Visiva - Call for movies

Convegno-Rassegna MAV 2018 - Materiali di Antropologia Visiva
Roma 22-23-24 novembre 2018
 
a cura di Emilia De Simoni, Laura Faranda, Francesco Giannattasio, Giovanni Giuriati, Antonello Ricci
 
Call for movies
 
Il Convegno-Rassegna MAV, storico appuntamento biennale di antropologia visiva, ideato da Diego Carpitella nel 1985 al Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari, è stato ripreso nel 2010 alla "Sapienza" Università di Roma. Le edizioni del 2012, 2014 e 2016 sono state organizzate dall'Università in collaborazione con l'Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia e il Museo delle Arti e Tradizioni Popolari.

L'edizione di MAV 2018 sarà organizzata dall'Università e dall'Istituto, in collaborazione con il Museo delle Civiltà, e si articolerà in tre giornate, dal 22 al 24 novembre. Ogni giornata avrà come incipit un film "capostipite" di un autore classico del cinema documentario di ambito etnografico che introduca il tema della giornata e che fornisca il collegamento con una storia degli studi di antropologia visiva e di etnografia filmica.

I temi proposti per questa edizione sono:
- Etnografia condivisa (Jean Rouch, Moi un noir)
- Etnografia delle migrazioni (Vittorio De Seta, Lettere dal Sahara)
- Cinema etnografico come strumento di ricerca scientifica (Diego Carpitella, Progetto cinesica)
 
Per il carattere sperimentale da "cantiere di lavoro" di quest'ultima sezione è possibile inviare anche proposte di intervento (max 30') nelle quali parte fondamentale sia costituita dalla presentazione di materiali audiovisivi, anche se tali materiali non sono montati in forma di filmato autonomo, purché sia evidente l'uso del cinema come strumento di ricerca scientifica.

MAV è l'acronimo di Materiali di Antropologia Visiva, pertanto la rassegna è improntata alla discussione e alla messa in mostra di metodologie e di prospettive di studio realizzate con i mezzi audiovisivi. Non si tratta dunque dell'ennesimo festival, ma di un'occasione nella quale i film proiettati costituiscano la base di un dibattito che si spera ampio e serrato come è successo nelle precedenti edizioni.

I film da presentare come proposte di partecipazione devono essere resi disponibili e scaricabili su una piattaforma internet comunicando l'indirizzo web a cui collegarsi. Ogni proposta deve essere comunicata per posta elettronica all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. e deve essere accompagnata dalla scheda di partecipazione (debitamente compilata in tutte le sue parti e firmata, allegare anche un fermo immagine in formato jpg che sarà utilizzato per la pubblicazione sul catalogo). I film devono essere proposti nella loro durata integrale (durata massima accettabile 45').
 
Scadenza per l'invio delle proposte: 15 giugno 2018

Il comitato organizzatore opererà una selezione dei film pervenuti e inserirà le proposte selezionate nel calendario delle tre giornate, organizzando la proiezione in base alla durata dei film. I documenti video ricevuti confluiranno nel Laboratorio di antropologia delle immagini e dei suoni "Diego Carpitella" e nell'Archivio di antropologia visiva "Annabella Rossi". Tutti i filmati pervenuti saranno compresi nel catalogo della rassegna e visionabili a richiesta in apposite postazioni.

Per ulteriori informazioni scrivere all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
Leggi tutto...
Orario ICDe
Dal lunedi al venerdi
9.00-17.00
Metro Linea B (EUR Fermi) Bus 30 Express, 170, 671, 703, 707, 714, 762, 765, 791
Servizio VI
Tutela del patrimonio
DEA e immateriale

logo ministero

Seguici su
facebook   twitter
pinterest   youtube
logomucivexportsmall
amuseonazatp