Menu
Ti trovi qui:Attività»Eventi»Articoli filtrati per data: Maggio 2011

Articoli filtrati per data: Maggio 2011

Comuni in Musica

Sabato 28 maggio 2011 
ore 10.30 - il Comune di Colbordolo (PU) presenta: 
Concerto del Corpo Bandistico GIOVANNI SANTI

ore 12.30 - il Comune di Scurcola Marsicana (AQ) presenta: 
Concerto della Schola Cantorum DE GIORGIO 
Concerto del Complesso Bandistico CITTÀ DI SCURCOLA MARSICANA

Domenica 29 maggio 2011 
ore 11.30 - il Comune di Vicovaro (RM) presenta: 
Concerto della Corale S. CAECILIA

ore 16.00 - il Comune di Reggello (FI) presenta: 
Concerto dell'Associazione musicale GIOVANNI da CASCIA 
Concerto della Filarmonica GIUSEPPE VERDI

Leggi tutto...

Concerto: A-trio

L'Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia e La Bottega dei Suoni presentano

PASSAGGI IN TERRAZZA al Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari

Sabato 28 maggio 2011 - ore 21.30

A-TRIO 
Carmine Bruno - percussioni 
Ennio D'Alessandro - clarinetto ciaramella e dodouk 
Salvatore Zambataro - fisarmonica e clarinetto 

Ospite d'eccezione: Lucilla Galeazzi

Introduce il concerto Danzare d'Amore performance di Teatro Danza
ideazione e coreografia: Roberta Parravano
corpi scenici: Roberta Parravano, Mina Mingarelli, Chiara Candidi

Leggi tutto...

Video allievi ITI Marie Curie (Ponticelli)

27 maggio 2011 - ore 12.15 - Sala delle Conferenze

Consegna e proiezione del documentario "Il territorio e la memoria"

Gli allievi dell'ITI Marie Curie di Ponticelli consegnano una copia del documentario Il territorio e la memoria all'Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia, affinché una testimonianza del patrimonio immateriale sia custodita nell'Archivio di Antropologia Visiva dell'Istituto. Il documentario scritto e diretto da Gianni Milano, è stato realizzato con la collaborazione degli allievi dell'ITI Marie Curie di Ponticelli, che nel 2009 hanno vinto il IX Concorso Nazionale per la decorazione del Carro di Maria SS. della Neve e hanno partecipato alla costruzione. La scuola, nel 2011, ha vinto il I° premio "UIA Architecture and Children Golden Cubes" per aver avvicinato, con questo lavoro, i giovani all'architettura, all'arte, alle tradizioni.

Leggi tutto...

Dal territorio: transumanza 2011 Puglia-Molise

Notizie dal territorio
Il 23 maggio 2011 è partita la transumanza di ritorno dei capi bovini della Famiglia Colantuono da San Marco in Lamis (FG) ad Acquevive di Frosolone (IS)

Nell'ambito della ricerca di etnografia visiva sulle tradizioni del Molise, avviata dall'Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia con la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Molise, la Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Molise documenterà anche quest'anno la transumanza di ritorno dei capi bovini della Famiglia Colantuono da San Marco in Lamis (FG) ad Acquevive di Frosolone (IS). La documentazione fotografica sarà pubblicata, in parte, su questo sito.

Comunicato Stampa del MOLIGAL

Campobasso, 24 maggio 2011

Occasione unica come sempre, si ripete anche quest'anno, come avviene ormai da diversi secoli, la Transumanza d'Italia che, tra non poche difficoltà, è partita da San Marco in Lamis in provincia di Foggia per raggiungere la montagna di Frosolone.

Al tempo stesso riparte un nuovo programma "Vie e Civiltà della Transumanza Patrimonio dell'Umanità". Si tratta di un progetto con il quale un partenariato europeo intende confrontarsi per tutelare e recuperare i tratturi e la pratica della transumanza in Italia, Francia, Spagna e Svezia. In Italia le regioni coinvolte sono cinque: Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata e Campania.

Pubblico e privato sono scesi in campo per dare il pieno contributo al progetto. Le Regioni, le Amministrazioni Provinciali e i Comuni, in questa prima fase verranno affiancati da soggetti privati interessati a recuperare diverse porzioni dei tratturi, per identificare un unico itinerario che da Monte S. Angelo in Puglia, arriverà prima a Castel di Sangro e successivamente al Gran Sasso in Abruzzo, attraversando il territorio della Regione Molise. Pure avviata l'operazione di recupero del tratturo che dalla provincia di Benevento entra in Molise e prosegue nella stessa direzione verso la Regione Abruzzo.

Proteggiamo il nostro territorio e salvaguardiamo la tradizione

Questo è il messaggio che i partner del progetto, tra gli altri il Moligal, il Gal Gargano e Daunia rurale per la Puglia, il Gal Alto Tammaro per la Campania, Arca Abruzzo e la famiglia Colantuono di Frosolone, vogliono portare avanti con convinzione.

Nell'ambito di tale azione di valorizzazione dei tratturi, si colloca la Transumanza d'Italia, partita lunedì 23 maggio 2011 da San Marco in Lamis e in arrivo giovedì 26 maggio 2011 sulla montagna di Frosolone.

Programma

LUNEDI 23 MAGGIO

ORE 16:00 Partenza della Transumanza.
ORE 23:00 Arrivo a San Paolo Civitate (FG), con sosta notturna presso la Vecchia Dogana e la Chiesetta della Madonna del Ponte sulle rive del fiume Fortore (Tratturo Aquila-Foggia).

MARTEDI 24 MAGGIO

Sosta mattutina nel riposo sul Tratturo Aquila-Foggia a San Paolo Civitate.

ORE 16:00 Partenza per Santa Croce di Magliano (CB) attraversando il territorio del comune di Serracapriola (FG).
ORE 21:00 Arrivo a santa Croce di Magliano (CB) sistemazione e sosta notturna.

MERCOLEDI 25 MAGGIO

ORE 6:00 Partenza da Santa Croce di Magliano per la località "Femmina Morta" lungo il Tratturo Celano-Foggia attraversando i territori dei comuni di Bonefro (CB), San Giuliano di Puglia (CB), Sant'Elia a Pianisi (CB), Ripabottoni (CB), Monacilioni (CB). Camminando sul braccio Centocelle-Cortile si prosegue per Campolieto (CB), Matrice (CB) Campobasso (CB) Ripalimosani (CB).
Sosta notturna con bivacco presso il Santuario della Madonna della neve in località "Quercigliole" a Ripalimosani (CB).

GIOVEDI 26 MAGGIO

ORE 5:00 Partenza per Frosolone. Si attraversano i territori di Santo Stefano (CB) si scende lungo la costa, si guada il Biferno, si risale verso Costropignano (CB), che attraversiamo, e poi Torella del Sannio (CB), Molise (CB), Frosolone (IS).
ORE 13:00 Arrivo della mandria a Acquevive di Frosolone e ai pascoli della "Montagnola" che ospiteranno le mucche durante tutta l'estate.

Leggi tutto...

A raccontar le storie

A RACCONTAR LE STORIE - RACCONTI PER VOCE D'ATTORE

Fiabe e racconti della tradizione popolare per piccoli e grandi

Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari - Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia

domenica 22 maggio 2011

Sala dedicata all'Abitazione e alle Attività domestiche ore 16.30 – 18.00

Quante storie conoscete? Quante ne avete sentite? Noi abbiamo scovato quattro racconti speciali che appartengono alla tradizione popolare italiana, un po' insoliti e poco diffusi ma davvero molto divertenti. Si parla di pidocchi e di gatti, di una bambina finita nel palazzo del re nascosta in un cesto di pere e di un bambino che, invece, sotto ad un pero incontrò una strega... una voce particolare ve le racconterà... Correte ad ascoltare!

E se vorrete, anche voi potrete raccontarci una fiaba! Venite al Museo mettendo in borsa o sottobraccio una storia da condividere! Quella che vi piace di più o quella che più vi ha fatto paura o magari quella che per cui avete riso tantissimo.

Leggi tutto...

Comuni in Musica

Sabato 21 maggio 2011
ore 11.30 - il Comune di Cannara (PG) presenta:

l'Associazione del Concerto Musicale Francesco Morlacchi e il Coro polifonico Concentus Vocalis

Domenica 22 maggio 2011 
ore 10.00 - il Comune di Accumoli (RI) presenta: l'Associazione Bandistica 
ore 11.30 - il Comune di Villata (VC) presenta: la Banda Musicale di S. Cecilia 
ore 12.30 - il Comune di Valle Castellana (TE) presenta: l'Associazione Banda Cittadina "Marcuzzo"

Leggi tutto...

Notte dei Musei

al Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari 
dalle ore 20.00 di sabato 14 maggio alle ore 02.00 di domenica 15 maggio (ultima entrata 01.00)

INGRESSO GRATUITO 
Il Museo propone un programma dedicato al patrimonio demoetnoantropologico delle regioni italiane, collegato anche alle significative ricorrenze del 2011: dalla nascita della nostra unità nazionale ai prodromi del Museo stesso, risalenti alle grandi inziative del 1911.

Sala delle Conferenze 
dalle ore 21.00
REGIONI E TRADIZIONI
Proiezione di documentari etnoantropologici relativi alle regioni italiane in occasione del 150° anniversario dell'Unità d'Italia

Sala multimediale
Nascita
1911: VISIONI ETNOGRAFICHE
Proiezione di documenti fotografici collegati al centenario dell'Esposizione Etnografica del 1911

Esposizione di costumi del Molise

Salone d'Onore
COMUNI E MUSICA
Esibizione di bande e gruppi musicali nell'ambito della rassegna"Comuni in Musica"
Comune di Azzano Decimo (PN): Banda comunale "Filarmonica di Tiezzo 1901"
Comune di Mesagne (BR): Banda musicale e majorettes della scuola "Materdona-Moro"

Leggi tutto...

Comuni in Musica: Castelforte

Sabato 15 maggio 2011, dalle ore 11.30

il Comune di Castelforte (LT) presenta:

Concerto bandistico "Città di Castelforte" - Concerto del gruppo folk "Glio Ventrisco" - 
Concerto del gruppo folk "La Pacchiana" 
Esposizione enogastronomica dei prodotti tipici di Castelforte

Leggi tutto...

A raccontar le storie

A RACCONTAR LE STORIE - RACCONTI PER VOCE D'ATTORE

Fiabe e racconti della tradizione popolare per piccoli e grandi

Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari - Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia

domenica 15 maggio 2011

Sala dedicata all'Abitazione e alle Attività domestiche ore 16.30 – 18.00

Quante storie conoscete? Quante ne avete sentite? Noi abbiamo scovato quattro racconti speciali che appartengono alla tradizione popolare italiana, un po' insoliti e poco diffusi ma davvero molto divertenti. Si parla di pidocchi e di gatti, di una bambina finita nel palazzo del re nascosta in un cesto di pere e di un bambino che, invece, sotto ad un pero incontrò una strega... una voce particolare ve le racconterà... Correte ad ascoltare!

E se vorrete, anche voi potrete raccontarci una fiaba! Venite al Museo mettendo in borsa o sottobraccio una storia da condividere! Quella che vi piace di più o quella che più vi ha fatto paura o magari quella che per cui avete riso tantissimo.

Leggi tutto...

Comuni in Musica: Pianella

Sabato 14 maggio 2011, ore 11.30 e 16.30

il Comune di Pianella (PE) presenta il gruppo Folk "La Paranzella"

Il Gruppo folk la "PARANZELLA" di Pianella, condotto dal musicista Crispi Seccia e dalla Maestra Antonella Del Giudice, si propone di ripristinare e di riportare in auge uno spaccato di vita culturale popolare della civiltà agro-pastorale abruzzese. Per la realizzazione dei costumi tradizionali la Compagnia di Pianella si è ispirata a documenti iconografici redatti da artisti inviati in Abruzzo dal Re di Napoli. Nel settore strumentale si sono aggiunti "lu ddu botte", chitarra e idiofoni di varia struttura, tra cui si citano la "valichira", li"mattiaminde", il "sistro" e "lu mascrille", strumento che dirigeva i passi di danza. Un cenno merita la zampogna zoppa in quanto modello autoctono abruzzese della Valle Siciliana. Il repertorio è composto da canti, musiche e danze recuperati attraverso testimonianze dirette e registrazioni originali. La "PARANZELLA" di Pianella prende il nome dalle antiche formazioni strumentali dette "Le Paranzelle", piccoli gruppi di suonatori composti da zampogne, ciaramelle, catubbe, cibassi, flauti, piatti e tamburi monopelle e bipelle. La Paranzella, sotto il profilo strumentale, è un ampliamento della primitiva formazione de "Li Tamurre", gruppi di musicisti presenti negli Abruzzi in occasione di feste popolari di contrade e campagne. Dalla Paranzella, successivamente, sono nate le bande e i complessi bandistici da giro folkloristico "La Paranzella".

CENNI STORICI
Sui resti della fortificazione Castrum Pianellae (poi Plenina o Plenilia) a 236 mt. s.l.m., tra i fiumi Tavo e Pescara, sorge l'attuale città di Pianella. Pianella ha avuto una lunga e travagliata storia di attacchi, distruzioni e devastazioni. Nei secoli fu invasa e devastata dai Saraceni, poi fu possedimento dei Normanni, degli Acquaviva, degli Orsini. I primi documenti storici che riguardano Pianella risalgono all'anno 1000 e precisamente all'anno 963 d.c., anno in cui Pandolfo, principe di Capua, decise la costruzione, sul tempio di Vesta, della Basilica di S. Maria Maggiore (oggi Monumento Nazionale risalente al XII sec.). Nel 1514 la Regina Giovanna, la trista reyna, girò il regno con la figlia Giovanna II; quest'ultima venne a Pianella perdendo, secondo la leggenda, una pianella. La storiella della ciabatta fa pensare allo stemma del paese, posto sulla torre dell'orologio del convento di S. Domenico (oggi sede del Municipio), in cui è rappresentata, appunto, una pianella.

Leggi tutto...
Istituto
Aperto dal lunedi al venerdi
Come arrivare
Metro Linea B (EUR Fermi)
Bus 30 Express, 170, 671, 703, 707,
714, 762, 765, 791
Seguici su
facebook   twitter
pinterest
MuCIV: MNATP
lopiccolomumu