Menu
Ti trovi qui:Attività»Eventi»Articoli filtrati per data: Maggio 2014

Articoli filtrati per data: Maggio 2014

La terra, il soffio

Giovedì 29 maggio 2014 i fischietti di terracotta del Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari saranno in concerto con Ambrogio Sparagna e l’Orchestra Popolare Italiana insieme al Coro Popolare diretto da Annarita Colaianni.

La terra – il soffio”: una festa in musica per accogliere la donazione al Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari dell’intera collezione di oltre 2.400 fischietti in terracotta appartenuti ad Andrea Amaro.

Andrea Amaro (1943-2012), dirigente generale sindacale della CGIL, ha sempre accompagnato il suo impegno nei confronti del mondo del lavoro e delle relazioni sindacali, anche a livello internazionale, con una grande attenzione ai valori sociali e culturali dei popoli. Bagaglio dei suoi molteplici viaggi di lavoro in tutto il mondo è stata quindi, oltre alla professione, la curiosità verso la storia e le radici e le tradizioni popolari delle realtà culturali che andava incontrando. Fin dall’età di vent’anni una passione, probabilmente sempre crescente e soggiogante come si addice ai grandi collezionisti, lo portò a collezionare fischietti di terracotta provenienti da ogni parte del pianeta. Questi piccoli e già in sé magici e incantevoli e a volte surreali oggetti della tradizione popolare universale e millenaria, hanno origini molto antiche ed erano certamente già fabbricati in epoca pre-romana. La loro simbologia e le loro finalità presentano molte interessanti sfaccettature che vanno dal semplice gioco dei bambini, al pegno d’amore fino a doti apotropaiche. E’ stata la precisa volontà degli eredi, Roberto Amaro e Miria Ridolfi, di non voler disperdere questa collezione a permetterne l’acquisizione al Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari degli oltre 2400 fischietti collezionati in quarant’anni da Andrea Amaro : fischietti che vanno ora ad incrementare la raccolta già esistente presso il Museo composta però di soli pezzi italiani, soprattutto provenienti da Puglia, Basilicata e Piemonte, con alcuni esemplari dei primi anni del ‘900.

Le principali provenienze dei fischietti della raccolta Andrea Amaro, ricostruite con il valido supporto di Liliana Rossetti che ha fornito al Museo la fondamentale assistenza anche nella fase di inventariazione, sono:

EUROPA
ITALIA Basilicata (Matera); Veneto (Nove); Asiago; Umbria (Montefalco); Ficulle; Deruta; Toscana (Cortona); Abruzzo; Emilia Romagna (Santarcangelo); Puglia; Sicilia (Caltagirone); (Caltanissetta); Calabria; Lazio; Marche; Sardegna.
PORTOGALLO; SPAGNA; RUSSIA; UCRAINA; TAGIKISTAN; UZBEKISTAN; MOLDAVIA; UNGHERIA; LITUANIA; LETTONIA; EX-JUGOSLAVIA; SLOVENIA; FINLANDIA; GERMANIA; POLONIA; UNGHERIA; ROMANIA; GRECIA; BELGIO; SPAGNA; FRANCIA; KOSOVO; TURCHIA

CENTRO e SUD-AMERICA
PERÙ (AYACUCHO); MESSICO; CILE; COLOMBIA; MESSICO; NICARAGUA; VENEZUELA; BRASILE; ARGENTINA; CUBA; COSTARICA; BOLIVIA; GUATEMALA

ASIA
INDIA; INDONESIA; CINA; GIAPPONE; THAILANDIA

AFRICA
CAMERUN; NORD-AFRICA; CENTRO-AFRICA

In questo evento è inserito un laboratorio didattico guidato dallo stesso Ambrogio Sparagna che con gli allievi di una scuola media a indirizzo musicale preparerà l’originale “partecipazione” dei fischietti al concerto: questi piccoli quanto incantevoli e spesso surreali strumenti si troveranno di nuovo protagonisti, come nei giorni di festa del passato, per riattualizzare un legame millenario e universale con la storia, la cultura e la musica popolare.

Sarà anche un'occasione per inaugurare una delle periodiche esposizioni tematiche realizzate con i materiali del Museo non esposti in permanenza: la mostra dossier “A Sud del Museo” . La mostra intende offrire, attraverso l’esposizione di costumi, maschere, oggetti devozionali, cartelloni di cantastorie, strumenti di lavoro e manufatti artigianali, un itinerario visivo in cui si intrecciano evocativamente i temi del quotidiano con le varie espressioni delle identità e le culture locali del nostro Mezzogiorno.

Il programma della giornata prevede inoltre la presentazione de “Il Museo si racconta”: rinnovato percorso informativo, descrittivo e multimediale per le sale espositive del MAT volto a garantire il miglioramento della fruizione e della conoscenza del museo, con nuovi apparati didattico/descrittivi, scenografie e sonorizzazioni e arricchito da citazioni poetiche che rimandano ai temi espositivi.


Programma

Ore 16.00 Laboratorio didattico guidato da Ambrogio Sparagna con la partecipazione degli allievi della scuola media ad indirizzo musicale Virgilio di Roma
Ore 17.00 “A sud del museo” inaugurazione mostra dossier curata da Emilia De Simoni e Letizia Campoli
Ore 18.00 “Il Museo si racconta” presentazione dei nuovi percorsi informativi, descrittivi e multimediali per sale espositive
Ore 19.00 “La terra – il soffio” I fischietti in terracotta della collezione Andrea Amaro “in concerto” con:
Ambrogio Sparagna Orchestra Popolare Italiana Coro Popolare diretto da Annarita Colaianni

Ambrogio Sparagna - voce, organetto
Clara Graziano - voce, organetto
Alessia Salvucci - tamburello
Raffaello Simeoni - voce, fiati popolari
Cristiano Califano - chitarra
Erasmo Treglia - violino, ghironda, ciaramella
Annarita Colaianni – voce

Con la partecipazione degli allievi della scuola media ad indirizzo musicale “Virgilio” di Roma
Concerto prodotto in collaborazione IDEA-MAT / FINISTERRE
L’INGRESSO ALLE ATTIVITÀ È LIBERO / FINO AD ESAURIMENTO POSTI

Leggi tutto...

A sud del museo

Dal 29 maggio al 18 giugno 2014 mostra dossier "A Sud del Museo". La mostra rientra nell'ambito delle iniziative espositive che il Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari ha avviato nel 2013 con la finalità di presentare, in percorsi tematici periodici, alcuni esemplari tratti dalle collezioni conservate nei depositi museali. La riproposizione degli oggetti alla pubblica fruizione è iniziata con l'artigianato sardo e prosegue nel 2014 con una mostra dedicata alle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia e Sicilia.

"Mio sud, / mezzogiorno / potente di cicale" scriveva il poeta calabrese Franco Costabile: in letteratura e in antropologia il Sud è stato spesso rappresentato come un territorio fortemente evocativo, una sorta di alterità colorata e luminosa, spesso accompagnata da venature di arcaicità.

"A Sud del Museo" intende offrire, attraverso l'esposizione di costumi, maschere, oggetti devozionali, cartelloni di cantastorie, strumenti di lavoro e manufatti artigianali, un itinerario visivo in cui si intrecciano temi del quotidiano e del festivo, episodi delle vite individuali raccontati negli ex voto: grazie ricevute, interventi salvifici di figure religiose che, dall'alto, governano il rischio dell'esistere. Un esistere, nel Sud, che è anche gioiosità e ironia delle maschere carnevalesche, delle marionette allusive, e sapiente bellezza di opere uniche prodotte tra la fine dell'Ottocento e gli inizi del Novecento.

Inaugurazione ore 18.00 del 29 maggio 2014

A SUD DEL MUSEO

Mostra dossier a cura di Emilia De Simoni
Mostra di grafica a cura di M. Letizia Campoli
Direzione tecnica: Stefano Sestili
Allestimento, restauro e conservazione: Roberta Scoponi, Nicolò Giacalone
Collaborazione all'allestimento: Franco Rossi Gandin
Didascalie: Francesca Montuori

Leggi tutto...

Il museo si racconta

Giovedi 29 maggio 2014, ore 17.00
IL MUSEO SI RACCONTA
presentazione dei nuovi percorsi informativi, descrittivi e multimediali per sale espositive

Comunicare i contenuti di un museo con parole semplici e chiare, affidarle ad una grafica piacevole ed evocativa, arricchita da grandi riproduzioni di foto storiche dagli archivi del Museo, e da echi sonori – selezionati dal fondo audiovisivo dell’Istituto - evocativi di ambienti e contesti storici oggi perduti: è il Museo si racconta, un programma di rinnovamento dell’intero apparato didattico-descrittivo, per una migliore fruizione e accoglienza del pubblico. Sia quello italiano che quello straniero, grazie ai testi in doppia lingua, italiano e inglese.

Il percorso espositivo del Museo sarà vivacizzato da note di colore, e da segni visivi e letterari ad un tempo: le sale saranno caratterizzate da tendaggi con versi poetici che rimandano ai vari temi dei percorsi espositivi.
Noi non ci bagneremo /sulle spiagge/ a mietere andremo noi/ e il sole ci cuocerà/ come la crosta del pane. Sono parole di Rocco Scotellaro, che ci introducono al tema, antico quanto l’uomo, della panificazione e del nutrimento come frutto del lavoro dei campi.
Il Museo si racconta, un percorso di conoscenza ed emozione nel nostro passato, per una visita museale che coinvolga il nostro presente.

Leggi tutto...

Conferenza sull'Inno di Mameli

28 maggio 2014 - ore 17.30
Conferenza sull’Inno di Mameli, a cura del M.° Fulvio Creux
Direttore, Compositore, Didatta

Che cos’è un inno
Rapporto Testo – Musica
Gli inni degli altri: l’aspetto dell’“originalità” della Musica e il rapporto espressivo tra Testo e Musica
L’inno ufficiale durante il Risorgimento
Il canto degli italiani
Quando e dove nasce il Testo
Quando e dove nasce la Musica
Perché non Verdi?
Critiche mosse al testo
Critiche mosse alla musica
La struttura musicale del Canto degli Italiani
L’Inno della Repubblica Italiana
Le varie possibilità di scelta dopo la 2° guerra
Il documento ufficiale
L’uso nel Cerimoniale (Civile e Militare)
Il significato del Testo di Mameli
La geniale idea di Novaro nel metterlo in musica
Esecuzione finale dell’Inno Nazionale cantato da tutti.

Leggi tutto...

Notte europea dei musei 2014

NOTTE EUROPEA DEI MUSEI
Sabato 17 maggio 2014, ore 20.30

CONCERTO della BANDA DELL’ESERCITO

In occasione della NOTTE EUROPEA DEI MUSEI 2014 l’Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia - Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari propone, oltre all’apertura serale straordinaria, un CONCERTO DELLA BANDA DELL’ESERCITO, realizzato in collaborazione con l’Associazione culturale “Musica, rigore e formazione”.

Diretta dal Capitano Antonella BONA e con la partecipazione del soprano Carmela MAFFONGELLI e della pianista Leonora BALDELLI, la Banda dell’Esercito eseguirà un originale programma ispirato alla musica popolare nella letteratura colta per Banda, con un’attenzione particolare alle suggestioni del Paesaggio italiano.

Il programma comprende trascrizioni e musiche originali per banda di Ralf VAUGHAN WILLIAMS, Lao SILESU, Giacomo PUCCINI, Richard ADDINSEL, Fulvio CREUX, Robert SHELDON.

La Banda dell’Esercito, fondata nel 1964, è impegnata, oltre che nelle attività di servizio istituzionale, in un’intensa attività concertistica sia in Italia che all’estero. Ha collaborato con solisti di fama internazionale vantando anche la direzione di grandi maestri come Riccardo Muti, con un repertorio che spazia da quello classicamente celebrativo a quello lirico sinfonico, passando per originali trascrizioni e composizioni per banda.

Il concerto, che si terrà nel Salone d’Onore del Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari, avrà inizio alle ore 20,30 con ingresso libero fino ad esaurimento posti.

L’ingresso al Museo per la Notte dei Musei è al prezzo simbolico di 1€ e permetterà la visita dalle 20.00 a mezzanotte.

PROGRAMMA

Ralf Vaughan Williams
FOLK SONG SUITE
March “Seventeen come Sunday”
Intermezzo “My Bonny Boy”
March “Folk Songs from Somerset”

Lao Silesu
IMPRESSIONI DI SARDEGNA
(trascrizione di Hardy Mertens)

Giacomo Puccini
VISSI D’ARTE
dall’Opera “Tosca”
(trascrizione di Antonella Bona)

Richard Addinsel
CONCERTO DI VARSAVIA
per Pianoforte e Orchestra
(trascrizione di Willy Hautvast)

Giacomo Puccini
UN BEL DI’ VEDREMO
dall’Opera “Madama Butterly”
(trascrizione di Antonella Bona)

Fulvio Creux
VALLE D’AOSTA
Rapsodia

Robert Sheldon
CHANTEYS

CARMELA MAFFONGELLI - Soprano
LEONORA BALDELLI - Pianoforte
ANTONELLA BONA - Direttore

Leggi tutto...

Fare cartapesta e scultura di stoffa

Presentazione del libro di Ezio Flammia (Dino Audino editore)

"Fare cartapesta e scultura di stoffa" è il primo manuale pratico dedicato alle arti della cartapesta e della scultura di stoffa. Quest'ultima che ha origine remota, è oggi quasi sconosciuta, nonostante sia collegata all'arte della cartapesta per l'impiego di amalgami composti di fibre naturali.

Leggi tutto...
Istituto
Aperto dal lunedi al venerdi
Come arrivare
Metro Linea B (EUR Fermi)
Bus 30 Express, 170, 671, 703, 707,
714, 762, 765, 791
Seguici su
facebook   twitter
pinterest   youtube
MuCIV: MNATP
lopiccolomumu