Menu
Ti trovi qui:Attività»Eventi»L'eredità di Lamberto Loria
L'eredità di Lamberto Loria

L'eredità di Lamberto Loria

Dal 23 al 25 ottobre 2014 si terrà, presso l'Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia, il convegno di studi "L'eredità di Lamberto Loria (1855-1913) per un museo nazionale di etnografia".

Ad oltre un secolo dalla sua scomparsa il convegno celebra la figura di Lamberto Loria, esploratore ed etnologo nonché fondatore del primo museo di etnografia italiano, con alcune giornate di incontri tra studiosi italiani di antropologia e con il contributo di rappresentanti di musei di altri Paesi.

Prof. Lamberto LoriaLamberto Loria inizia a viaggiare nel 1883 in Svezia, Norvegia, Finlandia, Russia, Turkestan, India, Egitto fino in Nuova Guinea, Papuasia e Australia. Dopo queste avventurose spedizioni Loria si rese conto della necessità di documentare la cultura agro-pastorale italiana messa in crisi dalla progressiva industrializzazione del Paese: "Nella primavera del 1905, andando per la prima volta a Circello nel Sannio, fui fortemente impressionato dalla diversità delle usanze, dei costumi e della psiche di quelle popolazioni meridionali. [...] e mi chiesi se non fosse più conveniente di raccogliere documenti e manufatti etnici in Italia che non in altre lontane regioni" (L. Loria, Com'è sorto il Museo di etnografia italiana in Firenze, Firenze 1907, p. 5).

I suoi progetti si concretizzarono, nel settembre del 1906, nella costituzione a Firenze del primo Museo di etnografia italiana.
Fu poi incaricato di curare a Roma la sezione etnografica dell'Esposizione Internazionale del 1911, voluta per celebrare il cinquantenario dell'unità d'Italia. Gli venne chiesto di trasformare l'esperienza del museo fiorentino in una Mostra Etnografica, incarico che Loria accettò con la garanzia che alla chiusura dell'Esposizione si realizzasse, con i materiali raccolti, un Museo Nazionale di Etnografia Italiana, posto sotto la tutela dello Stato.

Dal 1908 Loria iniziò a coordinare una serie di ricerche finalizzate all'acquisizione di materiali provenienti dalle varie regioni, alle quali presero parte esponenti del mondo accademico, e collaboratori sparsi nelle diverse province d'Italia. Nel 1911 la raccolta comprendeva ben 30.000 oggetti etnografici, oggi conservati nel Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari, che nel 1956 ha trovato sede definitiva all'EUR.

Il convegno, ad oltre cento anni da questi avvenimenti, vuole ora proporre nuovi studi sulla figura di Lamberto Loria e comparazioni con ricerche d'ambito antropologico ed esperienze museografiche internazionali.

Programma

GIOVEDÌ 23 OTTOBRE

Introduce Maura PICCIAU
Direttrice Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia

Prima Sessione ore 9.00 - 13.00

"L'uomo e gli studi" presiede Pietro CLEMENTE

Lamberto Loria: il lato umano
Sandra Puccini

Lamberto Loria nella storia e nella storiografia degli studi antropologici italiani
Enzo Alliegro

Frammenti di campo: testi, oggetti e immagini dalla Nuova Guinea
Silvia Barberani

"Un progetto campato in aria": cornici fiorentine attorno al primo Museo di Etnografia Italiana
Paolo De Simonis

Lamberto Loria, l'etnologia e la comparazione su vasta scala
Mauro Geraci

L'alto e puro Maestro
Rosario Perricone

Dall'Africa al Sannio: un itinerario critico. Lamberto Loria e l'antropologia italiana
Luigi Maria Lombardi Satriani

Dibattito ore 12.00

Coffee break

Seconda Sessione ore 14.30 - 19.30

"Contesti e percorsi" presiede Francesco FAETA

Per una lettura del mondo tra Geografia e Antropologia. Il contributo di Lamberto Loria
Franco Salvatori, Nadia Fusco

Latitudini dell'approccio etno-fotografico, didascaliche, eretiche, inusitate, in Loria ed in altri coevi studiosi viaggiatori italiani
Alberto Baldi

Dal viaggio nel 1883 fra i Tekkè alla mostra italiana di Etnografia del 1911 passando per la Nuova Guinea britannica: la fotografia di Lamberto Loria a cavallo tra due secoli
Fabiana Dimpflmeirer

Fotografia ed etnografia nel Piemonte di inizio Novecento
Gianpaolo Fassino, Piercarlo Grimaldi

In periferia dopo Loria e la Mostra del 1911: il caso del Museo delle Arti e Tradizioni Popolari del Gargano "G. Tancredi" a Monte Sant'Angelo (Fg)
Ferdinando Mirizzi

Lamberto Loria e la fotografia: il corpus di immagini calabresi della raccolta di Raffaele Corso
Antonello Ricci

Uno studio in progress su un oggetto della collezione Loria: il colascione di Pratola Peligna
Roberta Tucci

All'amico Clearco Freccia le fotografie del viaggio indiano di Lamberto Loria
Luca Villa

Dibattito ore 18.30

VENERDÌ 24 OTTOBRE

Terza Sessione ore 9.00 - 13.00

"Il Museo di Loria" presiede Luigi Maria LOMBARDI SATRIANI

Carteggio Lamberto Loria - Achille Bertarelli. Notizie sull'allestimento della sezione di Iconografia popolare.Carteggio Lamberto Loria - Salvatore Di Giacomo. Notizie concernenti l'acquisizione del materiale iconografico
Maria Letizia Campoli

Lamberto Loria: visioni etnografiche
Emilia De Simoni

Lamberto Loria: il metodo di un pensiero
Annamaria Giunta

Manufatti e motivi dal mondo vegetale nelle collezioni di Lamberto Loria per la Mostra Etnografica del 1911
Paolo Maria Guarrera

La peculiarità della registrazione: Lamberto Loria e le schede di catalogo
Luciana Mariotti

"Caro Dino... queste condizioni non mi convengono". Il carteggio Loria - Mochi per l'acquisizione della collezione di amuleti del Museo Psicologico di Firenze
Stefania Baldinotti

Lamberto Loria e le origini dell'archivio fotografico del Museo
Marisa Iori

Dibattito ore 12.00

Coffee break

Quarta Sessione ore 14.30 - 18.30

"Musei gemelli" presiede Giovanni KEZICH

Prominent intellectual figures in the history of the state ethnographic museum in Warsaw
Amudena Rutkowska - Panstwowe Muzeum Etnograficzne w Warszawie - Varsavia (Polonia)

In all things, look for a man...
Hana Dvoráková - Moravské Zemské Muzeum - Brno (Repubblica Ceca)

142 Years in the Service of Ethnography and Cultural Anthropology. The History of the Museum of Ethnography (Budapest, Hungary)
Hanga Gebauer - Néprajzi Múzeum - Budapest (Ungheria)

Boris Orel, an organizer of field teams in Slovene ethnographic museum
Barbara Sosic - Slovenski Etnografski Muzej - Lubiana (Slovenia)

Role of Milovan Gavazzi in the development of the Ethnographic museum in Zagreb
Zvjezdana Antoš - Etnografski Muzej - Zagabria (Croazia)

Developing of the Ethnological Museum in Macedonia and meaning of Vera Klichkova (1911-1998)
Elizabeta Koneska - National Museum of Macedonia - Skopje (Macedonia)

Dibattito ore 17.30

SABATO 25 OTTOBRE

ore 11.00
Visita guidata del Museo

* * *

Segreteria organizzativa del convegno: Luciana Mariotti, Annamaria Giunta

 

  • Data: 23 - 25 ottobre 2014
  • Sede: Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari
  • Luogo: Roma
Torna in alto
Istituto
Aperto dal lunedi al venerdi
Come arrivare
Metro Linea B (EUR Fermi)
Bus 30 Express, 170, 671, 703, 707,
714, 762, 765, 791
Seguici su
facebook   twitter
pinterest   youtube
MuCIV: MNATP
lopiccolomumu